Press "Enter" to skip to content

Corruzione, mafia e peculato. Così naufraga l’Italia in pandemia2 min read

Nel vivo di questo mese di giugno si affaccia di nuovo alla cronaca uno spettro che sembrava dimenticato: corruzione e malaffare nel settore pubblico. Diciannove persone e cinque società sono indagate nell’ambito della sanità piemontese per turbativa d’asta e corruzione, nove persone sono indagate per corruzione e frode in sicilia e, nell’ambito di una lunga inchiesta legata ad infiltrazioni della ndrangheta nel nord italia, sono indagate ben 26 persone a Verona, con accuse di vario titolo.

In questa ultima vicenda, in particolare, è rimasto coinvolto anche l’ex sindaco della città scaligera, Flavio Tosi, indagato ora per concorso in peculato. Già ai tempi della sua ultima amministrazione, parte della giunta venne arrestata, e l’allora vicesindaco Vito Giacino condannato per corruzione. Un quadro ancora poco chiaro insomma, sul quale dovranno far luce le ulteriori indagini della Direzione Distrettuale Antimafia di Venezia.

Una situazione, quella nazionale, che rischia di essere aggravata dall’attuale mancanza di trasparenza da parte degli enti pubblici, ancora piegati dall’impossibilità di far rientrare fisicamente al lavoro molti dipendenti. In un simile contesto, l’ovvia conseguenza è l’aumento della corruzione percepita, senza però la possibilità di verificare i dati oggettivi. Un mare torbido in cui gli italiani da sempre temono di affogare.

Transparency International, in questo ambito, ha prodotto un breve ed utile video per illustrare in cosa consista la corruzione percepita:

Potrebbe non essere facile, nell’immediato futuro, fare informazione su simili temi. La pandemia ha monopolizzato il mondo mediatico, e molti problemi pregressi rischiano di passare in secondo piano. Tuttavia, resta compito fondamentale di ogni informatore, specialmente in campo politico e amministrativo, non abbassare la guardia. Torneremo presto su questi temi, approfondendo la gravità dell’attuale crisi di trasparenza, e lo faremo, ovviamente, con la solita determinazione.

 

Leggi anche:

Conti in tasca alla PA. Spese e appalti del Comune di Bolzano

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!