Press "Enter" to skip to content

Test sierologici: gli italiani rispondono positivamente1 min read

Last updated on 1 Giugno, 2020

Gli italiani rispondono positivamente alle chiamate che la Croce Rossa sta effettuando in questi giorni, per raccogliere adesioni in vista dei 150mila test sierologici che si effettueranno in duemila comuni italiani.

Test sierologici, i numeri:

150mila le persone testate, che potranno arrivare però ad essere 192mila. Duemila saranno invece i comuni italiani coinvolti.

700 gli operatori della Croce Rossa che in questi giorni sono incaricati di svolgere le chiamate per poter raccogliere il consenso dei cittadini. I soggetti, individuati dall’Istat, presentano caratteristiche differenti (come genere o età) ma tutte utili all’indagine.

Il presidente della Croce Rossa Francesco Rocca riscontra una generale positività da parte dei cittadini. Il 25% delle persone contattate infatti, si è resa immediatamente disponibile. Il 60% ha chiesto di essere ricontattato e il 15% sta ancora valutando se sottoporsi o meno al test.

L’importanza dei test sierologici:

I test sierologici, che altro non sono che prelievi di sangue, risultano essere un valido alleato per cercare di studiare ancora più a fondo l’andamento epidemiologico. Qualora una persona dovesse risultare positiva, dopo la segnalazione all’ATS di competenza, verrebbe sottoposta a tampone per confermare l’esito.

In ogni caso, ciò che rende davvero importanti i sierologici, è la loro capacità di individuare eventuali anticorpi che il sistema immunitario ha prodotto. In questo modo quindi si potrebbe contribuire a tracciare la storia clinica dell’intero paese.

Chiamate da un numero sconosciuto:

La chiamata da parte della Croce Rossa Italiana sarà esclusivamente telefonica. È bene dunque ricordare che i numeri utilizzati dai volontari iniziano sempre nello stesso modo: 065510.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!