Press "Enter" to skip to content

Autostrade e Allianz: una trattativa segreta?2 min read

Secondo un’indiscrezione del quotidiano torinese La Stampa sarebbe in corso una trattativa tra Autostrade per l’Italia e una cordata guidata dal colosso assicurativo Allianz: quest’ultimo, che già possiede il 6,94% (tramite la Appia Investments) della concessionaria di buona parte delle autostrade italiane, passerebbe ad acquisire il 51% dell’azienda, divenendo socio di maggioranza. Atlantia passerebbe dall’attuale 88,06% al 41%, vendendo azioni per il valore di 5,7 miliardi. Ennesimo capitolo della telenovela sulle concessioni autostradali che ha avuto come casus belli il crollo del Ponte Morandi a Genova nell’agosto 2018, causando 43 morti; (tra l’altro oggi è crollato un altro ponte gestito da Anas: collegava i comuni di Albiano Magra e Santo Stefano di Magra, tra Toscana e Liguria). Già nel decreto legge Milleproroghe era inserita una clausola che permetteva di revocare la concessione ad Aspi trasferendola ad Anas, pagando una penale alla società controllata da Benetton equivalente a 7 miliardi.

La rete autostradale: tratte di Aspi e di altri concessionari. Fonte: La Stampa

Il retroscena

Ma subito sono arrivate le smentite dalle parti in causa. Atlantia stessa, il governo, e i due Ministeri dello Sviluppo Economico (Mise) e delle Infrastrutture e Trasporti (Mit) con i ministri Patuanelli e De Micheli. Secondo le fonti de La Stampa si starebbe tentando la soluzione del concordato che permetterebbe un risanamento, evitando il fallimento di Aspi, che si stima abbia un debito di 9 miliardi e mezzo a fronte di un valore di 7 miliardi, quindi superiore. Questo, con un nuovo assetto azionario, che gestirebbe la ripartenza dell’azienda, mantenendo le concessioni. Con un impegno però a garantire i 7000 dipendenti, rafforzare gli investimenti con la realizzazione per esempio della Gronda di Genova, congelare le tariffe autostradali e pagare una penale di 2 miliardi per i danni di Genova.

Le alternative

A conferma di queste operazioni sottobanco tra Aspi e i tedeschi di Allianz ci sarebbero anche i movimenti in Borsa. Atlantia recupera ben il 14% e addirittura il 45% dal 16 marzo. Il Mit nel frattempo sta valutando altre proposte, contestuali o alternative all’ipotesi Allianz. Potrebbero inserirsi nella trattativa e quindi nell’azionariato players del settore come Gavio e Toto ma anche il fondo cinese Silk Road (che ha già il 5%), e Cassa Depositi e Prestiti (Cdp, con Poste e F2i, Fondi Italiani per le Infrastrutture). Quest’ultima, vuol però garanzie sul contenzioso giudiziario e sulla gestione dell’emergenza Coronavirus da parte di Autostrade. Ieri, si è svolto un nuovo consiglio d’amministrazione di Aspi che si è concluso ancora con un nulla di fatto nella trattativa con il governo. Tutto rinviato al 17 aprile, dopo Pasqua.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!