Press "Enter" to skip to content

Open Government Partnership: il sogno di un governo trasparente1 min read

Last updated on 16 Gennaio, 2020

Per quanto riguarda le istituzioni, la trasparenza è spesso considerata una qualità indispensabile, necessaria a permettere ai cittadini di verificare la democraticità del proprio Paese. Per questo motivo, nel settembre del 2011, 75 Stati, Italia inclusa, hanno aderito alla Open Government Declaration, impegnandosi ad adeguare le legislazioni interne a favore di una maggiore trasparenza dei propri organi ed enti.

Nel sito internet dedicato, l’Open Government Partnership viene definita come «un’iniziativa internazionale che mira a ottenere impegni concreti dai Governi in termini di promozione della trasparenza, di sostegno alla partecipazione civica, di lotta alla corruzione e di diffusione, dentro e fuori le Pubbliche Amministrazioni, di nuove tecnologie a sostegno dell’innovazione».

Ad oggi, però, l’Open Government Partnership è più che una semplice iniziativa congiunta di vari Paesi: può infatti vantare di meccanismi di controllo interni, grazie ad una fitta rete d’esperti e giornalisti coinvolti, ma possiede anche i mezzi necessari all’esclusione di uno Stato firmatario nel caso di reiterata inadempienza.

In Italia, oltre alla modifica della legge 150 già trattata in un altro articolo, l’Open Government partnership ha raggiunto diversi altri traguardi, come la riforma della legge sull’accesso ai documenti della Pubblica Amministrazione: dal 2016, infatti,  è possibile chiedere documenti, dati e informazioni agli enti pubblici senzadimostrare un interesse qualificato.

L’iter di modifica delle leggi che regolano i meccanismi della macchina pubblica, come è immaginabile, è molto complesso. Open Government, tuttavia, garantisce l’accesso a tutte le attività svolte tramite il portale Open.gov.it.

Il processo di cambiamento, in ultima analisi, è ancora pienamente in atto, e probabilmente richiederà diversi altri anni di sforzi e trattative. Quello che si può osservare nel presente, però, è la presenza di un trend incoraggiante e di una decisa spinta politica verso la trasparenza.

 

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!